Il filo blu che unisce il Paola Di Rosa

Nasce dal pensiero di tanti, in questo tempo ingarbugliato, l’idea di non perdere il filo. Filo come metafora di legame, di collegamento, di traccia, di percorso immaginato e possibile. Come ricucire gli strappi che educatrici e bambini, scuole e famiglie hanno vissuto quando il quotidiano è diventato impossibile, il presente tutto da inventare, il futuro incerto?

Un gruppo di insegnanti di Sprè (TN) ha ideato “il filo che crea”: un progetto per mantenere il filo affettivo e relazionale. E sulla scorta di questa esperienza anche il Paola Di Rosa di Borgosatollo ha creato il suo filo blu.

“Dopo averlo letto (l’articolo sull’iniziativa della scduola di Sprè, ndr)  è subito comparsa davanti ai nostri occhi l’immagine del cancello blu e della siepe.. e in un attimo li abbiamo immaginati “nuovamente vivi”. Come? Grazie al contributo di tutti gli attori della scuola. Oggi infatti siamo andate a scuola e abbiamo predisposto il tutto” spiega la coordinatrice Adriana Cremaschini. “Se passate davanti al cancello d’ingresso troverete un filo su cui sono appesi i pensieri di noi maestre. Questo filo potrà arricchirsi nel tempo e reggere il peso dei vostri e nostri pensieri; con parole, disegni, foto che potrete appendere per noi come quando noi appendevamo i vostri lavori all’interno. Animiamo insieme quel cancello perché l’asilo è anche la vostra casa e non può essere abbandonata! Prendiamocene cura, rendiamolo viva fino a quando potremo finalmente riaprirlo quel cancello per accogliere le vostre risa, le vostre voci, la vostra vivacità, la vita!”

“Questi sono i messaggi che noi maestre abbiamo appeso al FILO BLU per tutti voi, ora però questo filo dovrà essere riempito con i vostri messaggi e disegni. In questo modo la nostra scuola tornerà viva!”

Il filo blu si crea anche digitalmente con la photogallery di tutti i lavori dei bambini  pubblicata, e costantemente aggiornata, sul sito ww.asilopaoladirosa.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *